I tuoi risultati di ricerca

La storia della casetta di marzapane

Pubblicato da Admin_Key_01 sopra Febbraio 9, 2022
0

La Romimmobiliare vi augura buone feste, salutandovi con una simpatica curiosità tutta natalizia.  
Si sa che per noi italiani non è Natale senza panettoni e torroni, ma ad ogni Paese appartiene un proprio dolcetto caratteristico. Oggi vogliamo farvi conoscere la tradizione dei gingerbread,  letteralmente pan di zenzero. Si tratta di biscotti speziati, amatissimi da grandi e piccini, preparati durante le festività natalizie nei Paesi di origine anglosassone e divenuti simbolo del Natale in quasi tutto il mondo. La spezia prevalente nell’impasto è ovviamente lo zenzero, considerata un ingrediente perfetto per un dolce invernale, in quanto possiede proprietà riscaldanti. Le forme di questi simpatici biscotti, tutte prettamente natalizie, cambiano da zona a zona. Curiosando sul web abbiamo trovato qualche esempio grazioso da mostrarvi.

In particolare la forma della casetta, coperta da un soffice manto di neve e decorata con caramelle e glasse colorate, sembra uscita da una favola ed in effetti, secondo la tradizione, lo è.
L’origine di queste simpatiche casette risale infatti al 1800 in Germania dovedopo la pubblicazione del libro dei Fratelli GrimmHänsel e Gretel, alcuni fornai ispirandosi all’abitazione della strega, cominciarono a realizzare casette davvero simili a quella della storia. La tradizione si diffuse a tal punto che valicò l’Oceano assieme agli emigrati tedeschi che giunsero in Pennsylvania. Con il passare degli anni i gingerbread arrivarono anche in Europa. Infatti a Bergen, in Norvegia, ogni anno viene cretata Gingertown, un vero e proprio villaggio di Natale biscottato in miniatura, fatto di casette, giostre, treni e lucine.

In Texas, nel 2013, il Traditions Club ha creato la più grande casetta di pan di zenzero del mondo: 234 metri quadri di casa commestibile, eretta per beneficienza. Una meraviglia per gli occhi e per la gola!
Per vincere il record, il club ha dovuto assicurare ai giudici che la casa fosse davvero commestibile. Il ragazzo del Guinnes World  Record, infatti, ne ha mangiato un pezzo per verificare che si trattasse realmente di pan di zenzero.
A New York, lo chef dell’hotel Marriot Marquis ha superato il record del più grande villaggio di pan di zenzero con 135 edifici, funivie e un treno.
Questa passione non si ferma qua e si riflette addirittura nel desiderio di costruire vere e proprie abitazioni ispirate a questa tradizione. Infatti, l’isola statunitense Martha’s Vineyard, nata come luogo di villeggiatura estiva, ospita dei pittoreschi cottage che ricordano proprio le casette di pan di zenzero.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

  • Ricerca avanzata

    € 0 a € 1.500.000

  • Contattaci

Confronto immobili