I tuoi risultati di ricerca

Bonus caldaia 2022

Con il Bonus caldaia 2022 hai l’opportunità di sostituire la tua caldaia ormai datata e poco performante, con un modello di nuova generazione, più efficiente e sicuro, ma soprattutto più sostenibile, poiché concepito in modo da emettere meno emissioni dannose per l’ambiente. Questo ti permette di ottenere una notevole riduzione dei consumi energetici e tutti gli eventuali interventi di manutenzione necessari per un impianto più vecchio e mal funzionante. Tutto questo si traduce in un risparmio economico importante.

Con il bonus caldaia 2022 puoi usufruire di uno sgravio fiscale per sostituire la tua vecchia caldaia con una di nuova generazione, che può essere una caldaia a condensazione di classe energetica A o superiore.

Ecco alcuni casi in cui dovresti rientrare per beneficiare delle rispettive agevolazioni fiscali per la tua caldaia nuova:

  • devi ristrutturare casa: puoi usufruire di uno sconto al 50% con il bonus ristrutturazione;
  • vuoi ottenere un risparmio energetico: puoi usufruire dell’Ecobonus al 50% se fai installare una nuova caldaia a condensazione di classe A, così come richiesto dal regolamento (UE) n.18/2013, in sostituzione a quella vecchia, e dell’Ecobonus al 65% se, questa tipologia di caldaia a condensazione, oltre a essere in classe A, è dotata di un sistema di termoregolazione di classe V, VI o VII, oppure di un impianto ibrido composto da un sistema integrato tra pompa di calore e caldaia a condensazione. Il limite massimo di spesa per l’ecobonus caldaia è di 30.000 euro per ogni unità immobiliare.
  • oltre alla caldaia, hai l’opportunità di far riqualificare energeticamente il tuo edificio o la tua casa indipendente: puoi sostituire la tua vecchia caldaia e usufruire del Superbonus 110%, poiché tale intervento rientra nei cosiddetti lavori trainanti. L’importante è che questo lavoro comporti il miglioramento di almeno due classi energetiche o il raggiungimento della classe energetica più alta.  Questo miglioramento deve essere dimostrato attraverso l’Attestato di Prestazione Energetica (APE), sulla base di quanto contenuto nel decreto congiunto di Mise, MEF, MIT e del Ministro dell’Ambiente pubblicato il 6 agosto 2020.

Chi può usufruire del bonus caldaia 2022? Il bonus caldaia 2022 è destinato a:

  • proprietario dell’immobile o dal nudo proprietario;
  • titolare di un diritto reale di godimento sull’immobile, come l’usufrutto;
  • affittuario o comodatario.

Non sono richiesti limiti relativi all’ISEE del richiedente.

Per richiedere il bonus caldaia 2022 devi dare queste informazioni:

  • il codice fiscale di chi usufruirà della detrazione;
  • la partita IVA o il codice fiscale del beneficiario del pagamento;
  • la causale di versamento;
  • i dati della ricevuta di pagamento.

Per ottenere le detrazioni previste dal bonus caldaia 2022, hai 90 giorni di tempo per inviare all’ENEA, la comunicazione dell’installazione della nuova caldaia, assieme alla scheda informativa dei lavori rilasciata dal tecnico abilitato e all’attestazione della classe energetica. L’ENEA, oltre ai dati anagrafici del beneficiario, ha bisogno di avere le informazioni relative all’immobile oggetto di intervento e quelle riguardanti la tipologia di intervento.

Puoi usufruire del bonus anche tramite sconto diretto in fattura o cessione del tuo credito alla tua banca, oppure all’impresa che a sua volta lo girerà alla sua banca ed altri intermediari finanziari.

Quando scade il bonus caldaia 2022? Grazie alla Legge di Bilancio 2022 l’agevolazione dell’Ecobonus è stata prorogata fino al 31 dicembre 2024.

FONTI:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Confronto immobili